Official Fan Club Italiano Horst Tappert & L'Ispettore Derrick

CARRIERA

TEATRO

La carriera di attore di Horst Tappert nacque per caso. Di ritorno dalla prigionia di guerra, si presentò per un posto di contabile presso il Teatro dell'Altmark di Stendal (Sassonia-Anhalt), appena aperto. Finì col fare un colloquio con il direttore artistico che lo convinse ad intraprendere la carriera di attore. Nella sua prima pièce teatrale interpretò il ruolo principale del dottor Striebel nella commedia Flitterwochen di Paul Helwig.  Dal 1946 cominciò a prendere lezioni di recitazione da Paul Rose, sotto la cui egida raccolse le prime esperienze a Köthen e al Landestheater Württemberg-Hohenzollern. Nel 1947 Tappert lavorò anche a Tübingen per la compagnia teatrale Interessengemeinschaft Freilichtspiele cofondata da Elisabeth Noelle-Neumann. In seguito recitò al teatro cittadino di Göttingen (1949–1950), allo Staatstheater di Kassel (1950–1951) e al teatro di Bonn (1951–1953), poi alla Städtische Bühnen di Wuppertal e infine nel 1956 alla Münchner Kammerspiele. Dal 1967 Tappert lavorò come attore indipendente.


CINEMA E TELEVISIONE 

La carriera cinematografica di Tappert ebbe inizio alla fine degli anni Cinquanta. Dopo i film La famiglia Trapp in America (1958) e Der Engel, der seine Harfe versetzte (1959), già nel 1961 Tappert interpretò il ruolo di un detective (d'albergo) in Zu viele Köche (1961). Successivamente recitò la parte di un vicario nella serie TV in sei puntate Das Halstuch (1962), una produzione di grande successo di Durbridge, e nello stesso anno interpretò anche il ruolo del truffatore accanto a Heinz Rühmann in Er kann's nicht lassen. Nel 1966 cominciò il suo vero ingresso nel mondo della televisione con la serie poliziesca in tre parti Die Gentlemen bitten zur Kasse, in cui interpretava il ruolo del rapinatore Michael Donegan.             

Nel 1966 Tappert era ancora dalla parte del male nel film di Jerry Cotton, Die Rechnung – eiskalt serviert.

Nel 1968 anche Tappert cavalcò l'onda del successo degli adattamenti cinematografici e televisivi dei romanzi di Edgar Wallace, prima in Der Hund von Blackwood Castle passando poi nello stesso anno dalla parte del cattivo a quella dell'ispettore Perkins di Scotland Yard in Der Gorilla von Soho e ancora in Der Mann mit dem Glasauge (1969). Tappert recitò anche nella prima serie poliziesca della ZDFDas Kriminalmuseum (1968). Nel 1970 Tappert vestì ancora il ruolo di un ispettore di polizia, il commissario Perrak nell'omonima serie Perrak.           

Nel 1971 Tappert recitò nel film per la televisione Yester – der Name stimmt doch?, il cui titolo rimandava alla celebre serie televisiva del 1967 Graf Yoster gibt sich die Ehre, ma che fu girato sulla base di un romanzo giallo americano.

Nel 1972 Tappert riportò in vita il suo personaggio della serie Die Gentlemen bitten zur Kasse in una mini-serie da due episodi chiamata Hoopers letzte Jagd: il suo personaggio ora si chiamava Michael Richardson ma era fondamentalmente lo stesso gangster che interpretava nella serie del 1966.


L'ISPETTORE DERRICK

Quando il produttore Helmut Ringelmann cominciò a programmare una nuova serie poliziesca, si ricordò di Tappert. L'autore Herbert Reinecker lavorò per creare il successore della serie poliziesca di maggior successo, Der Kommissar, nella quale per altro Tappert era già apparso in due episodi, nel 1970 e nel 1973. La nuova serie prese il nome de L'ispettore Derrick e doveva dar vita ad un nuovo genere di criminalista. A Tappert fu dato il ruolo del protagonista, l'ispettore capo Stephan Derrick, affiancato dall'assistente Harry Klein (proveniente direttamente dalla serie Der Kommissar e interpretato, come nella precedente serie, da Fritz Wepper). Dal 1973 al 1998 furono girati 281 episodi, il cui successo varcò i confini nazionali per essere distribuito in oltre 120 paesi

Grazie ai suoi modi gentili, pacati e al suo lato fortemente umano ha incarnato un nuovo genere di ispettore di polizia, divenuto un'icona per tutti i suoi appassionati. L'ispettore, che Tappert definì il Don Chisciotte della TV, è il personaggio tedesco più conosciuto e apprezzato nel mondo. Nel 2004 è stata anche trasposta in un lungometraggio d'animazione, Derrick – Die Pflicht ruft, in cui Tappert tornò a vestire i panni di Stephan Derrick per doppiare il suo personaggio.

Grazie a Derrick, Horst Tappert è stato il primo attore tedesco ad aver avuto fan club all'estero, con circoli di appassionati in ItaliaPaesi Bassi e Francia. Tappert, che ha interpretato Derrick per quasi un quarto di secolo (1974-1998), ha recitato in nuovi episodi fino all'età di 75 anni, età che si era auto-imposto come limite alla sua carriera d'attore. Si è però ritirato definitivamente dalle scene nel 2003 subito dopo la presentazione del suo ultimo film per la TV, "Herz ohne Krone", co-prodotto da Rai e ZDF e ancora inedito in Italia.


RADIO

Dalla metà degli anni cinquanta Tappert fu attivo anche come attore di radiodramma: recitò in oltre 100 radiodrammi dei generi più disparati, in gran parte in ruoli da protagonista o co-protagonista. Ad esempio nel 1962 interpretò il dottor Gauge nello sceneggiato radiofonico Terra Incognita, un esperto che con il suo collega, l'ispettore Adams (Heinz Schimmelpfennig) andava a caccia di strane creature che vivevano nelle viscere della terra con l'obiettivo di annientare l'umanità.

Già nel 1960 aveva interpretato il ruolo principale ne La leggenda del santo bevitore, mentre nel 1968 lo si poté ascoltare nell'adattamento radiofonico de L'opera da tre soldi nella parte di Mackie Messer. Tappert recitò anche nell'unico adattamento radiofonico di Paul Temple, Paul Temple und der Conrad-Fall (1959) per la Bayerischer Rundfunk. Dopo l'inizio de L'ispettore Derrick le apparizioni radiofoniche di Tappert divennero molto più rare. Nel 1976 interpretò proprio Derrick nel radiodramma Der Fall der Kommissare. In questa storia comparivano altri ispettori tedeschi e stranieri che venivano doppiati rispettivamente dagli attori originali e dai doppiatori originali.